Vendita, noleggio camper nuovi e usati | Gigi Caravan - Costiera Amalfitana: itinerari in camper

Qualsiasi meta è splendida quando si è in vacanza però ci sono sempre dei luoghi che richiedono un minimo di pianificazione anche per i camperisti più selvaggi. La Costiera Amalfitana di solito in agosto è inaccessibile per il boom di turisti stranieri e non che affollano le splendide spiagge e fanno la fila per vedere le bellezze storiche e archeologiche della zona.

Quest’anno invece è il momento giustoper visitale la Costiera Amalfitana perché, a causa delle restrizioni e i timori legati al Covid, molti stranieri sembrerebbe abbiano desistito dal prenotare qui le loro vacanze 2020. Vediamo insieme come organizzarsi, cosa sapere e soprattutto quante meraviglie ci sono da inserire nell’itinerario di viaggio in camper.

Cosa sapere per visitare la Costiera Amalfitana in camper

Per prima cosa è bene tener presente che le strade litorali non permettono di essere percorse dai camper quindi bisogna studiare bene l’itinerario e valutare come muoversi.

Se decidi, quindi, di avventurarti alla scoperta della Costiera Amalfitana in camper, devi sapere che sarai costretto a fermarti prima o dopo Salerno, poiché c’è divieto della circolazione.  Il divieto però non è assoluto, si può sempre arrivare nei pressi di Sorrento, fermare il camper e proseguire con i mezzi pubblici e bus di zona. Il turismo in queste zone è molto ben voluto, quindi ci sono molti collegamenti frequenti tra un paese e l’altro. Ma ora passiamo all’aspetto che più ti interessa, ovvero quali tappe fare nel tuo viaggio in camper. 

Tappe da non perdere nel tuo viaggio della costiera amalfitana in camper

Questo tratto di costa del sud Italia è noto in tutto il mondo. Ci sono turisti che decidono di venire da ogni parte per visitarla. Le bellezze di questa parte di costa tra la sorridente Sorrento e la cittadina di Salerno, hanno affascinato registi, intellettuali, pittori, artisti e musicisti di ogni dove. I musei, i monumenti, le stesse piccole stradine colorate protagoniste delle passeggiate di tutti i visitatori trasudano cultura e un fascino antico che lascia senza fiato chi ha la possibilità di vederli dal vivo. Normalmente nei viaggi in camper le attività da fare si devono cercare, in Costiera Amalfitana questo non avviene. Ci sono talmente tanti modi di trascorrere la tua vacanza in camper, che il tempo ti sembrerà sfuggirti dalle mani.

Escursioni, trekking, tour culinari, spiagge e gite in barca, visite ai siti archeologici e feste di paese sono solo alcune delle attività che potrai scegliere di vivere. 

Mete imperdibili della Costiera Amalfitana

La Costiera Amalfitana è Patrimonio Culturale e Mondiale dell’Unesco, un titolo meritato più che mai, facile capire perché se ci si sofferma ad ammirare i paesaggi con le terrazze di agrumeti lungo i pendii scoscesi delle montagne che si gettano in mare. Il profumo intenso di agrumi e salsedine rimane dentro per molto tempo dopo essere ripartiti.

I centri della costiera sono stati da sempre approdi per greci, romani e saraceni e tutti hanno lasciato tracce della loro presenza rendendo più ricco questo bellissimo territorio.
Veniamo alle mete da non perdere nel tuo viaggio in camper in Costiera Amalfitana:

  • Amalfi,
  • Vietri sul Mare,
  • Cetara,
  • Maiori,
  • Minori,
  • Ravello,
  • Positano,
  • Fiordo di Furore.

Precisiamo nuovamente che girare in camper in queste zone della Costiera Amalfitana è vietato, e che è necessario fermarsi ad una meta che è predisposta per accogliere i camperisti ma queste tappe sono facilmente raggiungibili con i mezzi pubblici o nel caso in cui tu le abbia portate con te in bicicletta o scooter. Un discorso particolare a proposito delle biciclette. Il percorso è bellissimo ma la strada stretta, il traffico dei pullman locali che procedono a velocità sostenuta e le irte salite, fan sì che sia un mezzo da veri esperti. Molto meglio se nel gavone caricate la vecchia Vespa o lo scooter.

Un po’ come per le Cinque Terre, ci rendiamo conto che i camperisti duri e puri del “col camper, ovunque” storcono il naso all’idea che a Positano non si possa parcheggiare al porticciolo. Ma basta la bellezza dei luoghi a far capire che val la pena qualche sacrificio: stabilire un “campo base” per il camper e poi muoversi con mezzi alternativi. Il vero spettacolo sono gli scorci sulle scogliere e i paesaggi visti da lontano dei paesi arroccati a picco sul mare. Meglio ancora se decidete di viaggiare con i traghetti o le imbarcazioni private: direttamente sul mare per spostarsi da un paese all’altro.

Amalfi: l’ombelico della Costiera Amalfitana

Il nome Amalfi ci è stato impresso studiando storia a scuola al capitolo Repubbliche Marinare, quando insieme a Genova, Pisa, Venezia e altre repubbliche minori si contendeva i traffici marittimi nel Mare Nostrum.

Amalfi è naturalmente “l’Ombelico della Costiera”. Tra le Repubbliche Marinare era la più antica, già prospera e fiorente nel X secolo, quando i suoi mercanti riuscirono a prevalere sugli arabi, allora monopolizzatori dei traffici commerciali nel Mediterraneo. Facile immaginare come l’importanza di questo centro abbia contribuito alla sua ricchezza anche architettonica. Oltre al panorama mozzafiato, le scogliere e le case colorate si può ammirare e respirare l’aria dell’allora supremazia. Ci sono infatti i resti degli arsenali dove nascevano le galee per le flotte, attraverso le quali i commercianti importavano prodotti esotici, spezie, profumi, tappeti e tessuti ricercati. Purtroppo un maremoto nel 1343 cancellò molto dello splendore di questa città, ma sono comunque molti i monumenti storici da visitare: il Duomo di S. Andrea è ricco di mosaici e ha una cripta che risulta essere un ottimo esempio di stile romanico amalfitano. A Palazzo Morelli, oggi sede del comune, è conservata la Tabula Amalphitana, documento unico che codifica il diritto della navigazione ai tempi della Repubblica e tanto racconta su come era organizzata l’attività marinara che ha fatto la fortuna di Amalfi.

E poi ancora la Basilica del Crocifisso e l’Arsenale della Repubblica, appunto. Meno nota, ma non per questo poco significativa, era la specializzazione di Amalfi nel produrre carta, tecnica appresa dalle contaminazioni con il mondo arabo e necessaria per soddisfare il bisogno dei mercanti che producevano moltissimi documenti scritti. Un museo della carta in paese ci permette di capire anche questo aspetto della civiltà amalfitana.

Positano: richiamo della Dolce Vita

Arrivando dal mare Positano sembra una slavina di case bianche che dalla montagna scendono verso il mare. Artisti e pittori hanno trovato ispirazione per realizzare centinaia di tele e pagine di poesie, romanzi, canzoni. Descritto da molti come un angolo di paradiso, qui hanno vissuto per periodi più o meno lunghi pittori del calibro di Picasso, Carrà, scrittori quali John Steinbeck, Corrado Alvaro, Dino Buzzati, Alberto Moravia. Un luogo di élite che ha mantenuto la fama di questo luogo come rifugio dell’anima.

È un antico borgo marinaro percorso da scalinate che dalla parte più alta del paese scendono verso il mare. Ci sono diverse cose da vedere tra le quali i resti di un’antica villa romana del I secolo d.C a conferma delle millenarie origini, la chiesa di S. Maria Assunta, caratterizzata da una grande cupola maiolicata a mosaico e altari in marmi policromi, e ancora le Torri Saracene di età medievale. Di sera, sino a tardi, si può passeggiare -mettendo in conto centinaia di gradini- tra negozi, ristoranti serali all’aperto dove concedersi un po’ di vita mondana, alberghi e locali all’aperto che attirano sempre numerosissimi turisti. Camperiste attenzione perché Positano è un luogo dove si crea moda, con collezioni eleganti che sembrano ispirarsi direttamente al paesaggio circostante.

Furore: uno dei più pittoreschi fiordi italiani

Furore ha un nome che è tutto un programma. Deriva da Terra Furoris, definita in questo modo per il rumore assordante del mare che sciaborda contro le scogliere nei giorni di mare grosso. È una delle località geograficamente più particolari. Il piccolo paesino, infatti, è invisibile dalla costa essendo costruito in fondo ad un fiordo, a partire dalla riva del mare con la parte alta del paese sviluppato lungo le pendici dei monti Lattari. Le due parti del paese sono collegate da una lunghissima scalinata, risalente addirittura al periodo della Repubblica Marinara.

La vita non doveva essere facile per gli abitanti di questo borgo che trasportavano a spalla le merci scaricate dal mare verso il paese alto. Estremamente suggestivo è il paesaggio creato da questa profonda spaccatura da alcuni, definita quasi dolomitica con, però, la vista delle acque cristalline del mare. Impensabile percorrerlo in camper, il fiordo si raggiunge dalla statale 163. Il vallone di Furore, è uno dei più pittoreschi fiordi italiani, con numerose gole che tagliano la montagna.

Sosta Camper in Costiera Amalfitana

Il camper può aspettarvi la sera al rientro dalle varie gite, indichiamo qualche nome di area di sosta e campeggio della zona. (Decliniamo però qualsiasi responsabilità sullo stato e l’attività dei servizi)

  • Camping Rubinya: via Mare Adriatico, Pontecagnano Faiano (SA), tel. 089521185
    Coordinate N 40°36.93 E 14°51.31. Aperto tutto l’anno. Dispone di area sosta priva di servizi, camper service a pagamento o servizio campeggio tutto compreso. È nella fascia urbana di Salerno. Di fronte al campeggio autobus per il centro e da qui autobus o battelli per la Costiera. A 100 metri dalla spiaggia.
    • Agriturismo Costiera Amalfitana: via Falcone 21, Frazione Pietre, Tramonti (SA), Tel. 089 856192. Situato a 500 metri di altitudine è l’unica sosta ufficiale all’interno del territorio della Costiera. Si raggiunge uscendo ad Angri dalla A3 Napoli-Salerno (7 km circa) o uscendo a Nocera-Paganini della A 30 Caserta-Salerno (7 km circa). Offre servizio completo (corrente, acqua, camper service). È in alta collina ma a poca distanza dalla Costiera che si raggiunge con i mezzi pubblici la cui fermata è fuori dall’agriturismo o con lo scooter. Previsti pasti con menù a prezzo fisso. www.costieraamalfitana.it.
    • Camping Bluegreen Village: via Madonna di Rosella 52, Piana di Sorrento, tel. 081 8788586. Aperto da Pasqua alla fine di settembre, tariffe per piazzola e persone differenziate a seconda della stagione. Per i giorni centrali di agosto occorre prenotare. Fuori dal campeggio fermata per autobus per Sorrento e da qui battelli o pullman per i paesi della Costiera. www.bluegreenvillage.com
  • Villaggio Nettuno: camping con camper service completo, unico della Costiera Amalfitana e Penisola Sorrentina situato sulla spiaggia. N: 40° 34′ 58.56″ — E: 14° 21′ 10.54″ Via A. Vespucci, 39 a Massalubrense, Tel. +39 081.8081051


I comuni della Costiera Amalfitana sono collegati tramite il servizio Bus della SITA. Acquistando il biglietto Unico Costiera puoi viaggiare su treni e bus SITA o Cirumvesuviana. In alternativa potrai scegliere i metrò del mare, veloci aliscafi, che ti trasporteranno da un paese all’altro della costa. Buon viaggio.

Gigi Caravans

GigiCaravans, con i suoi 30 anni di esperienza nel settore, rappresenta un centro di riferimento per la zona del nord Milanese e della Brianza per la vendita, il noleggio e la manutenzione di camper. Nel piazzale da oltre 5000 mq. puoi trovare camper nuovi Benimar / Pilote e usati delle migliori marche quali Benimar,Le Voyageur e Bavaria.
Puoi noleggiare facilmente il camper dei tuoi sogni oppure usufruire di uno dei nostri fantastici pacchetti vacanza.

Servizi

Contattaci

Contatti

Valore non valido
Valore non valido
Valore non valido
Valore non valido
Valore non valido
Valore non valido
Valore non valido