GG CARAVANS

Come camperizzare un furgone fai da te: consigli e accorgimenti

Ti domandi come camperizzare un furgone fai da te?

Sei sulla pagina giusta.

Il campeggio con una casa vacanza su ruote diventa il risultato di un tuo progetto, l’espressione della tua creatività, se costruisci un camper fai da te.

I vantaggi della trasformazione di un furgone in camper sono duplici: personalizzi equipaggiamenti, mobili e impianti come vuoi; riduci le spese e adegui i lavori al budget che hai a disposizione.

Quale furgone trasformare in camper

Il risultato delle “camperizzazione” dipende in buona parte dal mezzo di partenza su cui si è lavorato. Nel trasformare un furgone in camper assumono grande importanza aspetti quali dimensioni e caratteristiche della struttura.

È possibile trasformare in camper anche un SUV, ma l’esito non sarà paragonabile a quello ottenuto da un furgone di medie dimensioni o grande. Un SUV o un pickup camperizzato offre poco spazio e di conseguenza poca scelta nel progettare l’allestimento. Va bene per i fine settimana o per camperisti e camperiste che hanno un buono spirito di adattamento.

Ottimi furgoni da utilizzare per la camperizzazione sono il Fiat Ducato e il Volkswagen Transporter.

Che cosa serve per camperizzare un furgone

Per capire che cosa serve per camperizzare un furgone, bisogna aver definito qual è il mezzo di partenza da sottoporre a trasformazione. Infatti, un furgone camperizzato è potenzialmente una vera e propria mini casa.

È necessario predisporre un impianto elettrico e un impianto idraulico.

Occorre preoccuparsi di coibentare il veicolo, cioè isolarlo termicamente con lavorazioni e materiali opportuni.

Bisogna installare un sistema di riscaldamento, un boiler, una stufa elettrica o una stufa a gas, perfetta per gli allestimenti mobili.

Infine, come in ogni casa, sebbene in questo caso le fondamenta siano ruote, ci vogliono equipaggiamenti come elettrodomestici per la cucina o TV per camper.

Ultimo aspetto da sottolineare, ma non poco importante: per trasformare un furgone in camper è indispensabile una certa abilità tecnico-pratica, un’affinità con il bricolage, insomma.

Aspetti legali: come camperizzare un furgone in Italia

In Italia, trasformare un furgone in camper con il fai da te è legale solo se la procedura viene effettuata con allestimenti mobili. Le strutture utilizzate per la camperizzazione devono essere facilmente rimovibili per ripristinare la condizione di partenza del furgone in qualsiasi momento.

Per omologare un furgone camperizzato, i lavori devono essere effettuati da professionisti. Un ingegnere deve ideare e firmare il progetto dell’allestimento. Solo così si può richiedere l’omologazione del mezzo per la nuova destinazione d’uso.

I passaggi della trasformazione di un furgone in camper

Il primo passo per procedere nella camperizzazione è togliere i sedili posteriori. In questo modo, liberiamo lo spazio che ci serve per inserire i moduli della nostra casa vacanze su quattro ruote: letto, dinette, cucina, ed eventuale bagno.

Sul fondo del furgone, va creata una pavimentazione con una lastra di compensato o di cartone, ricoperta da un foglio di linoleum o di PVC. Così, otteniamo una superficie facile da pulire, che non si imbratta di unto e altro sporco.

Dopo aver preparato il “volume contenitore” che deve ospitare la cellula abitativa del van, è il momento di occuparsi delle parti indispensabili a costituirla.

La dinette del furgone camperizzato

La dinette è lo spazio della cellula abitativa di un van dedicata al consumo dei pasti, ai momenti di convivialità e di eventuale studio o lavoro. È un po’ come il tavolo del soggiorno traferito nella casa vacanze su ruote.

Per ottenere una comoda e versatile dinette, è possibile rimuovere dal furgone la paratia che divide la cabina di guida dalla parte retrostante del mezzo. Si installano sedili girevoli che sono ruotabili per creare un’area a mo’ di tinello, con un tavolo da campeggio a scomparsa.

L’impianto elettrico del camper

L’installazione di un impianto elettrico nel furgone da trasformare in camper è indispensabile per il funzionamento di elettrodomestici, illuminazione e dispositivi.

C’è da mettere in evidenza un fatto: realizzare e montare un impianto elettrico per la nostra casa vacanze a quattro ruote non è facile.

Non basta improvvisarsi nel bricolage.

Ci vuole una certa competenza.

Potrebbe essere quindi necessario rivolgersi a un professionista.

Generalmente, per l’alimentazione dell’impianto elettrico in un camper è sufficiente una batteria con tensione a 12 volt.

Gli elementi indispensabili per realizzare l’impianto sono:

  • una batteria di servizio;
  • un quadro elettrico;
  • un pannello di controllo;
  • un inverter.

Pannelli solari installati sul tetto del veicolo rappresentano un buon modo di soddisfare il bisogno di elettricità in modo sostenibile.

Dividere le acque: l’impianto idraulico per un furgone trasformato in van

Oltre all’elettricità, nel furgone camperizzato serve l’acqua: oh Giove pluvio …

Anche per l’impianto idraulico più semplice, è necessario “dividere le acque”: occorrono due taniche, una per l’acqua potabile, una per le acque grigie, cioè quelle di scarto.

Un altro componente, che non deve mancare, è la pompa dell’acqua, disponibile in commercio in due versioni: manuale (più economica) ed elettrica.

Per una lunga vita della pompa dell’acqua, è consigliabile predisporre anche un apposito filtro.

Gli impianti idraulici più complessi, che fanno funzionare una doccia in camper, sono caratterizzati da un’ulteriore suddivisione dell’acqua: quella calda e quella fredda passano per tubi diversi.

Un accorgimento da non dimenticare: è importante che la tanica delle acque grigie sia facilmente accessibile per eseguire le operazioni di smaltimento. È bene, quindi, collocarla in basso.

Per un furgone di medie dimensioni, per le acque di scarto va benissimo una tanica da 45 litri.

I mobili del furgone che diventa camper

La tua casa mobile dallo spirito vacanziero va arredata. Ci vogliono letto, cucina e bagno.

Esistono in commercio dei kit di camperizzazione che sono solitamente amovibili. Sono progettati e costruiti da professionisti degli allestimenti per camper. In questo modo, dopo aver ultimato la trasformazione in autocaravan, non c’è l’obbligo di omologazione proprio perché l’allestimento è solo temporaneo.

Un’alternativa più creativa ma anche onerosa è farsi i mobili da sé.

Infine, un’ultima possibilità economica e più semplice da mettere in atto è utilizzare mobili di recupero.

In tutti i casi, per creare il soggiorno con cucina a vista del tuo camper, prediligi il legno, un materiale naturale, facile da lavorare, sano e bello.

Contattaci

Contattaci subito per ogni necessità!
commodo dictum justo sit amet rhoncus. In hac habitasse platea dictumst.

GG CARAVANS

GigiCaravans, con i suoi 30 anni di esperienza nel settore, rappresenta un centro di riferimento per la zona del nord Milanese e della Brianza per la vendita, il noleggio e la manutenzione di camper. Nel piazzale da oltre 5000 mq. puoi trovare camper nuovi Benimar / Pilote e usati delle migliori marche quali Benimar e Bavaria.
Puoi noleggiare facilmente il camper dei tuoi sogni oppure usufruire di uno dei nostri fantastici pacchetti vacanza.

I NOSTRI SERVIZI

Categorie news

Novità

PILOTE G720 FC EVIDENCE
PILOTE G720 FC EVIDENCE
PILOTE G720 FC EVIDENCE

Contattaci

oppure
Compila il form di richiesta

Contattaci

Contattaci subito per ogni necessità!
commodo dictum justo sit amet rhoncus. In hac habitasse platea dictumst.